Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Chi siamo

L’Istituto Italiano di Cultura di Amsterdam, ufficio all`estero del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha quale obiettivo quello di promuovere e di diffondere la lingua e la cultura italiana nei Paesi Bassi attraverso l’organizzazione di corsi di lingua e cultura italiana ed eventi culturali per favorire la circolazione delle idee, delle arti e delle scienze.

L’Istituto Italiano di Cultura di Amsterdam offre al pubblico olandese i seguenti servizi:

  • corsi di lingua e cultura italiana tenuti da docenti qualificati di madrelingua
  • due sessioni annuali di esami per ottenere il diploma di conoscenza della lingua italiana come lingua straniera
  • una Biblioteca italiana a disposizione dei corsisti e dei soci dell’Istituto per la consultazione e il prestito di libri, cd, dvd, riviste e giornali italiani
  • servizio di informazione e documentazione sull’Italia nel campo culturale

Collaborazioni

Per le manifestazioni concertistiche, per alcune mostre d’arte e per gli eventi di maggior respiro, l’Istituto si avvale della collaborazione di diversi enti e istituzioni locali.

In particolare l’Istituto Italiano di Cultura di Amsterdam fa parte della rete EUNIC – NL ( European Union National Institutes for Culture  in the Netherlands)

Maggiori informazioni sulla missione istituzionale degli Istituti Italiani di Cultura sono disponibili alla pagina internet del Ministero degli Affari Esteri dedicata alla normativa in materia.

Approfondimenti
  • Nel 1952 presero l’avvio nei Paesi Bassi le prime attività di promozione della Lingua e Cultura italiana organizzate dall’Ufficio dell’Addetto Culturale dell’Ambasciata dell’Aja.

    Nel 1972 l’Ufficio Culturale si trasferì ad Amsterdam, dove fu acquistato un antico palazzo patrizio del 1687, che divenne la sede ufficiale dell’Istituto Italiano di Cultura per i Paesi Bassi.

    Nei primi anni l’attività di promozione della lingua italiana veniva effettuata in collaborazione con la locale società Dante Alighieri. Negli anni ’80, l’Istituto ha cominciato ad avviare dei corsi in proprio indipendenti dalla Dante Alighieri.

    Nel 1993 sono state firmate le prime convenzioni con le università per Stranieri di Siena e Perugia ed è iniziato il processo di trasformazione dell’offerta didattica che ha portato alla struttura attuale dei corsi in 5 livelli corrispondenti ai livelli ALTE. Dal 1994 ogni anno vengono effettuati gli esami di certificazione CELI e CILS, e attualmente anche CIC e DITALS, nonché gli esami finali dei corsisti dell’Istituto di Cultura.

    L’Istituto Italiano di Cultura organizza eventi culturali nel suo salone (proiezioni cinematografiche, concerti e conferenze) con cadenza settimanale e presso altre locali prestigiose sedi  per eventi di particolare rilevanza. Per la realizzazione di questi ultimi eventi l’Istituto collabora con le maggiori Istituzioni culturali olandesi e con gli Istituti culturali degli altri Paesi europei (EUNIC).
    L’Istituto gestisce anche una biblioteca dotata di 16.000 volumi, un’emeroteca, una cineteca ed è abbonato ai maggiori quotidiani e settimanali italiani.

    I direttori e reggenti che si sono avvicendati dal 1972 sono:

    Mario Sintich

    Vito Grasso

    Pietro Insana

    Panagiotis Kizeridis

    Maria Galeotti (addetto)

    Giovanni Poncini

    Remo Rapetti

    Bruno Bellotto (addetto)

    Giovanni Poncini

    Carmela Paternoster (addetto)

    Silvio Marchetti

    Gianfranco Renda (addetto)

    Rita Venturelli

    Carmela Natalina Callea

    Paola Cordone